Bocchi Costruzioni: rimozione e smaltimento dell’amianto più facile con Fassi Gru

fassi-gru-bocchi-costruzioni

Quello della rimozione e smaltimento dell’amianto è un lavoro delicato che necessita di professionisti esperti e giusti macchinari. Come quelli scelti dai titolari della Bocchi Costruzioni azienda piacentina specializzata proprio in questo settore, che hanno migliorato le loro potenzialità d’intervento con una nuova gru Fassi F950RA he-dynamic scarrabile, allestita su uno Scania R500 XT 8×4.

«Avevamo la necessità di avere uno sbraccio maggiore, non tanto in altezza, ma piuttosto in lunghezza, per poter raggiungere i tetti anche dei capannoni di maggiori dimensioni», spiega Matteo Bocchi, proprietario dell’azienda assieme al fratello Massimo. «Per questo abbiamo scelto Fassi F950RA he dynamic, che io definisco gru da tiro e da quota: il giusto compromesso per le nostre esigenze, perché permette di andare in copertura anche sui capannoni più larghi, con la possibilità di dare più potenza alla prolunga grazie al Jdp (Jib Dual Power)».

Maggiore versatilità e possibilità operative sono dunque i vantaggi che hanno fatto propendere per la Fassi F950RA he-dynamic, a sostituzione del vecchio Iveco Trakker allestito con una Fassi F455. 

fassi-gru-bocchi-costruzioni«Le dimensioni restano abbastanza compatte e il peso accettabile. Questo ci ha permesso di avere un cassone ribaltabile di dimensioni sufficienti per la maggior parte dei nostri interventi e con una buona portata», prosegue Bocchi. «A tutto ciò si aggiunge la possibilità, grazie alla soluzione scarrabile, di sostituire questo allestimento con una vasca per inerti Adamoli di 20 metri cubi, una soluzione che ampia notevolmente le possibilità di utilizzo del veicolo e consente in pratica di non averlo mai fermo».

Lo scarramento è, in realtà, un’operazione più veloce di quanto si possa immaginare. Prima si staccano i collegamenti oleodinamici ed elettrici tra carro e gru. A quel punto il controtelaio può arretrare di pochi centimetri per liberare i perni che lo rendono solidale al veicolo. Quattro martinetti possono alzarlo per permettere di inserire i supporti sotto gli stabilizzatori: saranno i martinetti degli stabilizzatori a sollevare insieme gru, controtelaio e cassone, tanto da sfilare il veicolo e infilarlo sotto la vasca.

«Se scelgo sempre una gru Fassi, è anche perché so di poter contare sulla consulenza e sulla tempestiva assistenza dell’azienda», chiosa Bocchi. Nella definizione del modello di gru e dell’allestimento scelto dalla Bocchi Costruzioni, è stata infatti fondamentale la consulenza del concessionario Fassi Emilia.

«Matteo Bocchi è un cliente speciale, molto competente e con le idee molto chiare su ciò che vuole», racconta Antonio Di Francesco, responsabile commerciale di Fassi Emilia. «Al contempo, è molto esigente sui contributi di Fassi Gru e della nostra filiale. La definizione della macchina è stata veloce, è stato più complesso organizzare tutte le componenti richieste, dalla gru full optional all’allestimento, per il quale il nostro coordinamento è stato fondamentale». Oltre al nuovo veicolo, la flotta della Bocchi Costruzioni si avvale anche di un Iveco Eurocargo, allestito con una Fassi F120.

Caratteristiche della Fassi Gru F950RA he-dynamic

Caratteristiche della Fassi Gru F950RA he-dynamic

capacità di sollevamento: 80,22 tm
massimo sbraccio idraulico: 32 metri con Jib
ingombro: larghezza 2,50 metri, lunghezza 1,80 metri, altezza 2,50 metri
versione dynamic (.2) con biellismo
dispositivo XP
sistema ProLink doppia biella
rotazione continua su ralla

La dotazione elettronica/idraulica comprende:                                                            

sistema di controllo integrale IMC
unità di controllo FX900
distributore idraulico digitale D900
unità di comando radio RCH/RCS
controllo della dinamica ADC
flow sharing

Leggi anche: Speciale macchine per l’edilizia: vendita e noleggio tengono anche nel 2020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui