Multi, il primo ascensore che va anche in orizzontale

Il rendering del funzionamento di Multi

Motori lineari al posto di corde, velocità che non diminuisce con l’altezza e movimento orizzontale. È il nuovo ascensore Multi presentato da ThyssenKrupp, nella sede dell’Innovation Centre di Gijon, in Spagna: un prototipo in scala 1 a 3 con quattro cabine e due pali di 10 metri. Mosso dalla stessa tecnologia utilizzata per i treni a levitazione magnetica utilizzati per collegare gli aeroporti alle città, come il Transrapid, frutto di una joint venture Siemens e ThyssenKrupp, che viaggia da Shanghai al Pudong International Airport, questa è una rivoluzione capace di trasformare l’ascensore convenzionale in una sorta di metropolitana verticale. Infatti, a ogni palo si possono abbinare più cabine mobili che funzionano a ciclo continuo per aumentare la capacità di trasporto fino al 50%. Non solo, poiché il sistema richiede pali, pozzi e scale più piccoli si può ridurre l’ingombro della metà e avere una maggiore disponibilità di spazio utilizzabile rispetto all’ascensore che tutti conosciamo che negli edifici molto alti può arrivare a occupare anche il 40% della struttura. In pratica, si incrementa l’efficienza e allo stesso tempo si abbassano i picchi di carico di energia elettrica, un dettaglio assai rilevante dato che l’urbanizzazione è una tendenza inarrestabile, così come lo sviluppo in verticale per i costi al metro quadro e i limiti di spazio nelle città. Secondo il gruppo tedesco, la domanda mondiale di apparecchiature e servizi di ascensori è destinata ad aumentare oltre il 4% annuo entro il 2020, e il giro d’affari dai 49 miliardi di euro dell’ultimo anno fiscale arriverà a 61 miliardi di euro. «Il modo di costruire è in continua evoluzione, quindi è necessario adeguare i sistemi di sollevamento per soddisfare meglio le esigenze di edifici e un numero sempre maggiore di passeggeri. E Multi è la nostra risposta alle sfide di domani», ha affermato Andreas Schierenbeck, amministratore delegato di ThyssenKrupp Elevator. Insomma, viste le premesse questa potrebbe essere un’innovazione destinata a cambiare il settore. Per sapere se così sarà bisogna aspettare la fine del 2016 quando Multi verrà prodotto, installato e collaudato nel grattacielo dell’azienda siderurgica, costruito appositamente nella cittadina di Rottweil, in Germania. Ecco le immagini del prototipo e un video che ne spiega il meccanismo.

Il rendering del funzionamento di Multi
Il rendering del funzionamento di Multi
Il prototipo con quattro cabine e due alberi
Il prototipo con quattro cabine e due alberi
La torre in costruzione per testare Multi
La torre in costruzione per testare Multi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui