Superfici a prova di sporco e batteri con Sanifast e Rapidsan di Fila

igienizzanti-fila

Pulire, igienizzare, detergere, sanificare: mai come in questo periodo, con l’emergenza covid ancora in corso, la lotta contro sporco, germi e batteri è diventata essenziale, sia fuori che dentro casa. Un’esigenza che ha portato numerose aziende a lanciare sul mercato prodotti e soluzioni per l’igienizzazione e la sanificazione. Ogni superficie però deve essere trattata in maniera specifica, con un adeguato ciclo di pulizia, come spiega Francesco Pettenon, Ceo di Fila, azienda specializzata da oltre 70 anni nel trattamento, protezione e manutenzione di tutte le superfici, e che ha da poco lanciato due nuovi igienizzanti.

francesco pettenon_fila
Francesco Pettenon, Ceo Fila

Domanda. A seguito dell’emergenza coronavirus in casa Fila sono nati due nuovi prodotti: con quale obiettivo?
Risposta. Abbiamo lanciato Sanifast e Rapidsan, due nuovi prodotti che combinano azione pulente e igienizzante, adatti a tutti i materiali, dalle superfici metalliche alla ceramica, dalla pietra naturale alla plastica. Rapidsan è un igienizzante spray ecologico, a base di tea tree oil, sostanza naturale con un elevato potere antimicrobico, in formulazione con alcool che pulisce, igienizza ed elimina gli odori. Sanifast ha una formula più concentrata ed è ideale per la pulizia dei pavimenti. Abbiamo notato con l’assistenza tecnica che molti disinfettanti usciti in questo periodo sulla spinta dell’emergenza sanitaria hanno rovinato le superfici in modo irrimediabile. Quindi utilizzare il giusto igienizzante, che rispetti le superfici è fondamentale. Non dimentichiamo però che prima di igienizzare bisogna pulire.

D. Non tutti i disinfettanti puliscono?
R. No, per esempio l’alcol non pulisce, disinfetta soltanto. Sulle superfici si crea spesso un biofilm, dove germi e batteri proliferano. Se questa «pellicola» non è accuratamente rimossa prima di disinfettare con l’alcool o altre soluzioni disinfettanti, non serve a molto. È un po’ come dal dentista: se hai una carie, non basta il collutorio, ci vuole un corretto ciclo di pulizia.

D. Che cosa propone Fila?
R. Fila ha una expertise di più di 70 anni nei prodotti legati alla pulizia delle superfici. La prima fase, importantissima, è il lavaggio dopo posa, per rimuovere i residui di stucco cementizio. A questo proposito proponiamo Deterdek Pro, acido tamponato, che elimina efficacemente lo sporco da cantiere. Nel caso invece di sporchi ostinati è necessario utilizzare un detergente alcalino sgrassante come PS87 Pro. Poi, vanno rimosse eventuali macchie sulle fughe e sui pavimenti: a questo proposito abbiamo ideato degli estrattori per macchie, come il Nospot e SR95 o per pulire le fughe il detergente Fuganet. Dopodiché bisogna proteggere il materiale e le fughe, ad esempio con il nostro idro oleo MP90Eco Xtreme che riduce l’assorbimento del materiale senza alterarne l’aspetto estetico. Infine è possibile concludere il ciclo di pulizia con il giusto detergente e igienizzante.

D. Quando tempo ci è voluto per mettere a punto i nuovi prodotti?
R. Dall’idea al time to market circa quattro settimane. Abbiamo fatto tutto in lockdown, a dimostrazione delle potenzialità dello smart working e della forte proprietà intellettuale di Fila.

D. Avete creato espositori appositi?
R. Sì, abbiamo creato dei pall-box dedicati agli igienizzanti da esporre nei punti vendita.

D. I rivenditori come hanno risposto?
R. Bene, almeno la metà dei rivenditori ha puntato su nostri prodotti che stanno avendo un ottimo interesse da parte dell’utilizzatore finale. Tuttavia, quello che ci teniamo a far capire è che per l’igiene della casa il vero business è nella protezione delle superfici.

D. Quindi perché scegliere Fila?
R. Perché conosciamo i materiali e questo ci porta a trovare il detergente e protettivo più efficace per ogni superficie.

Bonus facciate con Fila

Vento, pioggia e umidità, inquinamento, degrado urbano: le facciate degli edifici sono soggette a un progressivo deterioramento, che differisce nei tempi e nelle modalità in funzione del tipo di materiale e degli agenti fisicochimici e biologici coinvolti. Questo processo può andare a danneggiare per sempre l’estetica degli edifici, facendo diminuire anche il valore economico del bene immobile.

bonus-facciate-fila

Tutto questo può essere fermato grazie all’azione di prevenzione, di cura e di manutenzione dei prodotti specializzati Fila che si inseriscono nel nuovo “Bonus Facciate” inserito nella Legge di Bilancio 2020, che consente una detrazione d’imposta pari al 90% delle spese sostenute.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui