Baruzzi (Aipe): il polistirolo è sempre più verde

Eps per solai
Eps per solai

Il polistirolo è sempre più verde. Anzi, è un materiale che si può riciclare. Con il traguardo dell’economia circolare la filiera della plastica e dell’Eps si è interrogata sulle strategie da seguire per raggiungere il traguardo. È stato il senso nel convegno Eps Circular Economy. Il futuro и oggi, lente di ingrandimento sull’Eps-Airpop, organizzato da Aipe, Associazione Italiana Polistirene Espanso, nel corso di Plast 2018 – Salone Internazionale per l’Industria delle Materie Plastiche e della Gomma. «L’economia circolare è il presente. Dobbiamo rendercene conto. È una possibilità e un’opportunità per tutto il comparto della plastica», ha spiegato Augusto Baruzzi, Presidente di Aipe. «Riteniamo che l’Eps sia un prodotto unico non comune in senso buono, che può offrire molti vantaggi: contribuire alla riduzione del riscaldamento globale e preservare la conservazione degli alimenti per una popolazione in crescita, rendendo la vita più sicura e più confortevole. Il settore dell’Eps vuole essere parte di un ulteriore sviluppo della strategia per la plastica nell’Eu, collaborando con i responsabili politici per far parte della soluzione, dando il nostro contributo come settore all’economia circolare. Oggi abbiamo bisogno di esempi reali di raccolta, separazione, riciclaggio di Eps (sia provenienti dall’imballaggio che dall’isolamento) e di manufatti prodotti con Eps proveniente da riciclo. Dobbiamo coltivare i rapporti con l’intera filiera coinvolta, con le istituzioni. Dobbiamo comunicare attraverso il web, i giornali, le scuole…». 

La filiera italiana non è sola in questo percorso, che è stato tracciato nella strategia sulle plastiche della Commissione Europea. «Le sfide connesse alla produzione, al consumo e alla fine del ciclo di vita della plastica possono essere trasformate in opportunità per l’UE e per la competitività dell’industria europea. La presente strategia propone azioni concrete volte a tradurre in realtà la visione di un’economia della plastica più circolare. Anche gli altri attori principali dovranno fare la loro parte», ha aggiunto Giuseppe Riva, di PlasticsEurope-Federchimica.

Augusto Baruzzi
Augusto Baruzzi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui