Rifiuti da imballaggio Raee: Erion Packaging riconosciuto come sistema autonomo di gestione

riciclo

Erion Packaging, il primo Consorzio italiano specializzato nella gestione dei Rifiuti di Imballaggio delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e Pile e Accumulatori, è stato riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica come sistema autonomo di gestione dei rifiuti di imballaggio Raee.

«Questo importante traguardo non rappresenta per noi un punto di arrivo, ma una nuova spinta per promuovere un approccio innovativo nella gestione dei rifiuti di imballaggio», ha dichiarato Claudio Formisano, presidente di Erion Packaging. «Come Consorzio, continueremo a lavorare a stretto contatto con le istituzioni e tutti gli attori della filiera per dare il nostro contributo nel rendere il sistema più efficiente e circolare, ma soprattutto all’altezza delle sfide ambientali che il presente ci pone di fronte».

Come sistema autonomo, il Consorzio intende contribuire al raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclaggio fissati dall’Unione Europea e dalla normativa nazionale, sviluppando un approccio innovativo in relazione allo sviluppo della propria compliance normativa e per iniziative utili al miglioramento della propria eco-sostenibilità e circolarità.

Nel contempo, la forte spinta alla digitalizzazione, l’attenzione allo sviluppo di sistemi Closed loop (circuito chiuso), lo sviluppo di progetti dedicati all’ecodesign dell’imballaggio e altre iniziative che andranno a consolidarsi nei prossimi anni, potranno contribuire a migliorare ulteriormente i risultati di recupero e riciclo del nostro Paese.

L’accreditamento del Consorzio, che fa parte del Sistema multi-consortile Erion, è stato comunicato il 13 gennaio 2023 dopo un iter iniziato nel maggio del 2021. Erion Packaging  assicura ai produttori di apparecchiature elettriche, elettroniche, pile e accumulatori il pieno adempimento agli obblighi derivanti dalla responsabilità estesa del produttore anche per ciò che concerne la gestione dei rifiuti di imballaggio dei loro prodotti immessi sul mercato italiano: imballaggi primari, secondari e terziari in plastica, carta e legno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui