AkzoNobel cresce nel terzo trimestre, ma all’orizzonte crescono le incertezze

akzonobel-main-office-headquarters
Akzonobel headquarters

AkzoNobel, la multinazionale olandese specializzata nella produzione di vernici e rivestimenti, cresce del 19% nel terzo trimestre 2022 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, registrando un utile operativo di 201 milioni di euro, escludendo l’impatto retrospettivo dell’inflazione. 

L’aumento dei ricavi è dovuto principalmente all’aumento dei prezzi (saliti del 13%) che compensano l’aumento dei costi delle materie prime e altri costi variabili.

I volumi sono in calo del 5%, principalmente a causa del destocking nei canali distributivi di Decorative Paints in Europa e Performance Coatings, nonché della minore domanda di mercato in Cina, dove AkzoNobel sta preparando la sua più grande base di deposito che sarà completata entro la metà del 2023 a Songjiang, Shanghai.

Thierry_Vanlancker_AkzoNobel«Il nostro utile operativo rettificato di 201 milioni di euro, escluso l’impatto retrospettivo della contabilizzazione dell’iperinflazione, porta i nostri risultati nel terzo trimestre in linea con l’aggiornamento di mercato pubblicato a fine settembre», dichiara il CEO di AkzoNobel, Thierry Vanlancker. «Il forte aumento delle incertezze macroeconomiche ha avuto un impatto negativo sulla fiducia dei consumatori. Ciò ha comportato la rimozione delle scorte attraverso diversi canali di distribuzione di pitture decorative in Europa e rivestimenti ad alte prestazioni, mentre il mercato cinese è stato influenzato dalla politica zero COVID-19 in corso. Grazie al forte impegno dei nostri team, continuiamo a compensare l’impatto dell’inflazione dei costi delle materie prime e del trasporto con i prezzi. Ora abbiamo offerto un prezzo cumulativo del 22% negli ultimi due anni. La turbolenza macroeconomica dovrebbe continuare anche nel prossimo anno. Abbiamo quindi deciso di sospendere i nostri obiettivi per il 2023 e forniremo ulteriori indicazioni quando annunceremo i nostri risultati per l’intero anno 2022. Nel frattempo, continueremo a concentrarci sulla nostra gestione dei margini e sulle iniziative di riduzione dei costi».

AkzoNobel ha inoltre annunciato un investimento di 20 milioni di euro per aumentare e migliorare la produzione in due dei suoi siti in Francia. Un totale di 15 milioni di euro sarà speso per l’impianto di vernici aerospaziale dell’azienda a Pamiers, che è stato rilevato in seguito all’acquisizione di Mapaero nel 2019. Gli altri 5 milioni di euro saranno spesi per migliorare la flessibilità di produzione nel sito di pitture decorative a Montataire.

E mentre il gruppo cerca di ricalibrare gli obiettivi per il 2023, ha già presentato il colore del prossimo anno, scelto in base a un’ampia ricerca condotta da un team di esperti interni del colore e professionisti del design internazionale. È Wild Wonder, una tonalità ispirata ai toni caldi dei raccolti per offrire un senso di energia e positività.

Wild-Wonder-azkonobel

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui