Polimeri, a Versalis il 40% di Finproject

I protagonisti dell'accordo Versalis Finproject
I protagonisti dell'accordo Versalis Finproject

Versalis acquisisce il 40% di Finproject per creare una filiera integrata dei polimeri speciali e con l’obiettivo di creare valore attraverso l’integrazione delle rispettive filiere produttive. La società chimica di Eni, ha acquisito dal fondo Vei Capital il 40% della società Finproject, leader italiana nel settore del compounding, cioè del processo di miscelazione tra polimeri e additivi che permette di indirizzare le proprietà della materia plastica prodotta. Questa attività della chimica serve per la produzione di manufatti ultraleggeri.

L’operazione strategica è considerata il primo passo di una collaborazione che si potrà sviluppare ulteriormente. Nasce, quindi, una nuova piattaforma industriale che basa la sua forza e il suo potenziale innovativo sulla sinergia tra le competenze di Versalis, primo produttore italiano di polimeri, e la spinta tecnologico-creativa del Gruppo Finproject. L’obiettivo è sviluppare insieme soluzioni innovative per importanti brand nei settori della moda, design, footwear e applicazioni industriali quali cavi, tubi, energia rinnovabile, edilizia e automotive, con significative prospettive di crescita a livello internazionale.

Versalis entra nel settore delle applicazioni di polimeri formulati ad alta prestazione, estendendo il suo posizionamento verso business più resilienti alla volatilità dello scenario della chimica.

«L’operazione rientra nella strategia di sviluppo di Versalis verso una maggiore specializzazione del portafoglio ed estensione geografica. Si aprono così anche opportunità di creare nuovi prodotti utilizzando materie prime rinnovabili o da riciclo per un mercato sempre più sensibile ai temi di sostenibilità, in linea con la strategia aziendale per l’economia circolare», commenta Daniele Ferrari, amministratore delegato di Versalis.

Finproject, con oltre 50 anni di storia, ha sede in Italia e 11 impianti di produzione e ricerca in vari paesi del mondo (cinque in Italia, Canada, Cina, India, Messico, Romania, Vietnam) e due showroom (Brasile e Turchia). I prodotti espansi sono contraddistinti dal brand XL Extralight che, in co-branding con alcuni tra i più importanti marchi del settore calzaturiero e di altri settori industriali, sono articoli destinati al mercato del consumatore finale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui