Via libera dell’europarlamento a tre direttive anti Co2

La sede della Commissione Ue a Bruxelles

Il Parlamento europeo ha approvato la revisione della legislazione chiave per il settore energetico, vale a dire il regolamento sulla governance, la direttiva sulle energie rinnovabili (Red) e la direttiva sull’efficienza energetica (Eed), per renderli adatti alle sfide e agli impegni del prossimo decennio, fino al 2030. 

In particolare, la direttiva sulle energie rinnovabili aumenta la quota annuale di energie rinnovabili di 2 punti percentuali nel prossimo decennio. Tuttavia, poiché gli Stati membri non sono vincolati a un obiettivo così critico e mantengono una forte flessibilità, permane l’incertezza per le energie rinnovabili nel riscaldamento e nel raffreddamento. Le disposizioni per la rendicontazione sul completamento di questo obiettivo sono state accolte come un minimo indispensabile per tenere conto del parere degli Stati membri. Ora i governi dovranno attuare misure per far avanzare la decarbonizzazione del settore del riscaldamento.

Tutte e tre le direttive saranno negoziate con il Consiglio europeo e la Commissione. Durante queste discussioni, gli Stati membri e la Commissione europea dovranno agire coerentemente con la loro posizione sugli obiettivi di Parigi e allinearsi ai testi del Parlamento. 

«La prima direttiva sulle energie rinnovabili ha consentito al settore dell’elettricità di espandersi e diventare una storia di successo europea, la seconda (Red) deve fare lo stesso per il settore del riscaldamento e del raffreddamento rinnovabili nel prossimo decennio», è stato il commento di Pedro Dias, Segretario generale di Solar Heat. «Affrontare questo settore è un passo inevitabile se vogliamo raggiungere la piena decarbonizzazione delle nostre economie. Spetta ora agli Stati membri utilizzare i nuovi strumenti forniti dalla legislazione rivista per offrire una nuova storia di successo, per il riscaldamento da fonti rinnovabili in Europa». 

La bandiera dell'Unione Europea
La bandiera dell’Unione Europea

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui