Scuola Edile di Bergamo: “Così formiamo il futuro dell’edilizia”

Fabrizio Plebani - Direttore Generale della Scuola Edile di Bergamo

“Costruisci il tuo futuro insieme a noi”. È il motto della Scuola Edile di Bergamo che dal 1983 orienta, forma e addestra gli operatori dell’edilizia. Gli alunni? Di tutte le età: “Si va dai ragazzi di 15-16 anni a lavoratori adulti”, racconta Fabrizio Plebani, direttore generale dell’istituto, che aggiunge: “Stiamo puntando molto sulla formazione continua, considerando la fase di profonda transizione e trasformazione che sta vivendo l’edilizia”. Ecco come si costruisce il futuro del settore…

Fabrizio Plebani - Direttore Generale della Scuola Edile di Bergamo
Fabrizio Plebani – Direttore Generale della Scuola Edile di Bergamo

Domanda. Direttore Plebani, ci presenti la Scuola Edile di Bergamo.
Risposta. Fondata nel 1983 dall’Aceb – ora Ance Bergamo, l’Associazione dei costruttori edili – e dai sindacati dei lavoratori edili di Bergamo (Feneal, Filca, Fillea), è un ente che eroga servizi di orientamento, formazione e addestramento professionale, nonché punto di riferimento per il mondo dell’edilizia italiana.

D. Chi sono i suoi alunni?
R.Si va dai ragazzi dai 14 ai 17 anni, che compiono un percorso triennale per la qualifica di operatore edili, a operai-lavoratori adulti, che vengono qui a formarsi sui temi della sicurezza sul lavoro (formazione che eroghiamo insieme con il Cpta artigiano), dell’innovazione e della formazione professionale. Ultimamente ci siamo aperti anche ai liberi professionisti del settore edile (che rappresentano circa il 15% del totale).

D. Cosa offrite loro?
R. 
Ci contraddistingue la qualità della formazione e la particolare attenzione  alle attività pratiche. Stiamo puntando molto sulla formazione continua, considerando la fase di profonda transizione e trasformazione che sta vivendo l’edilizia. Perciò la Scuola Edile cerca di accompagnare le imprese e i lavoratori nell’acquisire competenze nuove e aggiornate così da far fronte alle richieste del mercato di oggi.

Scuola Edile di Bergamo
Scuola Edile di Bergamo

D. Una parentesi: la componente straniera è in aumento?
R. No, direi che è stabile: gli stranieri rappresentano circa il 10% dei nostri utenti.

D. La metamorfosi è in atto. Come il cambiamento dei sistemi costruttivi ha trasformato, di rimbalzo, il vostro lavoro di formatori?
R. Da una parte abbiamo cambiato e ampliato l’offerta formativa rivolta essenzialmente agli operai. Giusto l’anno scorso, insieme a partner qualificati, abbiamo iniziato a erogare formazione relativa ai sistemi a cappotto e a quelli a secco in cartongesso. Dall’altra stiamo andando a cercare di costruire ragionamenti più di filiera. Dall’altra ancora, abbiamo ampliato la gamma dei servizi offerti ad imprese e lavoratori.

D. Entriamo nel merito.
R.
Ci dedichiamo anche agli altri soggetti – oltre gli operai – che intervengono nel processo edilizio, non ultimi i professionisti. Grazie a convenzioni con gli ordini bergamaschi di architetti e ingegneri eroghiamo formazione di qualità sia per quanto concerne la tematica dell’acustica, sia quella dell’efficienza energetica e sia – last but not least – quello della digitalizzazione del lavoro in cantiere.

Scuola Edile di Bergamo.
Scuola Edile di Bergamo.

D. In questo panorama, qual è la difficoltà maggiore per un formatore?
R. La criticità è quella di trovarci in una situazione di crisi che dura da molto tempo e che ha trasformato – e continuerà a farlo – sia l’impresa che i lavoratori. Dobbiamo essere lungimiranti e cogliere in anticipo quali saranno i trend del mercato delle costruzioni del futuro.

D. Bioedilizia e risparmio energetico sono i nuovi dogmi del settore.
R. Ma per noi non rappresentano una novità: da circa 10 anni ci occupiamo di efficienza energetica e lo facciamo con una partnership con Anit (l’Associazione Nazionale Isolamento Termico e Acustico); con loro abbiamo realizzato eventi e lezioni seminariali e formative volti a professionisti quali geometri e lavoratori d’impresa. È chiaro che la tecnologia va avanti – e lo fa anche molto velocemente – e bisogna tenere il passo: il nostro laboratorio didattico ci aiuta a rispondere sempre presente.

D. Prima ha accennato alla crisi, che continua. Quali sono le sue considerazioni sull’andamento del mercato? C’è un po’ di ripresa o l’orizzonte rimane grigio?
R. Si sta muovendo qualcosa: i dati dei vari rapporti economici parlano di qualche segnale positivo, soprattutto nel comparto della riqualificazione, terreno fertile da dove ripartire.

Scuola Edile Bergamo
Scuola Edile Bergamo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui