Terremoto, la ricostruzione secondo il sistema Pontarolo

A  Sarnano,  piccolo  Comune  della  provincia  di  Macerata  duramente  colpito  dal  terremoto  che   ha colpito  il  centro  Italia, la Protezione  Civile  del  Friuli  Venezia  Giulia  sta  ricostruendo   il   primo   edificio  pubblico  a  carattere  permanente  nelle  zone  del cratere e  lo  sta  facendo   con  il  sistema  costruttivo Climablock di  Pontarolo  Engineering. Dopo  aver  analizzato  numerose  tecnologie tra  quelle  inserite  nell’Ordinanza  della  Presidenza   del  Consiglio  dei  Ministri  n.14  del  16  gennaio  2017 che  approva  il  programma straordinario   per  la  riapertura  delle  scuole  nelle  zone   terremotate  di  Abruzzo,  Lazio,  Marche  e  Umbria,  la   scelta  è  ricaduta  sul sistema  con  casseri a  perdere  in  Eps  (polistirolo),  ritenuta  la  migliore   soluzione   sul   mercato   per garantire   prestazioni   antisismiche   e   termiche   eccellenti, ma   anche   qualità   e   velocità   di   esecuzione,   fondamentali   in   questo   frangente   per   poter   consegnare  l’edificio,  una  scuola  dell’infanzia,  in  tempo  per  l’inizio  dell’anno  scolastico. Il  progetto  del  nuovo  fabbricato è stato  predisposto  dell’Ing  Burba  e  dai  Geom.  Zuliani  e  Cossa   della  Protezione  Civile  del  Friuli,  diretta  dal  Dott.  Sulli.   I lavori  di ricostruzione  hanno  avuto   inizio  l’8 maggio  con  la  posa  della  prima  pietra  e  prevedono  la  costruzione   del   complesso   scolastico, che  ospiterà  gli  82  alunni  del  territorio,  in  soli di  120  giorni. Una  volta  terminati  i  lavori, l’edificio  sarà classificato  come  strategico,  in  Classe d’uso  IV,   ovvero  massima  sicurezza  e  potrà  essere  utilizzato, in  caso  di  ulteriori  emergenze, anche  per   ospitare  la  popolazione.

cantiere_sarnano_posa_casseri_climablock_1

“La  Presidente  della  Regione  Friuli  Venezia  Giulia  Debora  Serracchiani  nella  presentazione  del   progetto  di  ricostruzione  della scuola  di  Sarnano – ricorda Pontarolo  Valerio, Amministratore   Delegato di   Pontarolo   Engineering   Spa   – disse   che   la   ricostruzione   della   scuola   materna   di   Sarnano non  solo  sarebbe  stato il  modo  migliore  per celebrare  il  ricordo  di  quanto  accaduto in   Friuli  quarant’anni prima,  ma  anche  il  segnale  che  serve  in  quei  luoghi  per  comprendere  che ce   la   si   può   fare,   che   si   può   ricostruire   bene;   ed   è   per   noi   un   orgoglio ancor   più   grande”. Pontarolo continua: “Essere  i   fornitori   del   sistema   costruttivo   per  la   ricostruzione   del   primo   edificio   pubblico-­‐strategico   nelle   zone   terremotate,   perché   oltre   a confermare la   bontà   del nostro  sistema,  ci  fa  capire  che,  come  azienda  friulana,  abbiamo  saputo  fare  tesoro  del  tragico   sisma  che  devastò  nel  ’76  la  nostra Regione  avendo  con  lungimiranza  guardato  alla  sicurezza   ed  al  risparmio  energetico“.

cantiere_sarnano_posa_casseri_climablock_3

Le  imprese  vincitrici dell’appalto, Riccesi  Spa  e Balsamini   Impianti   Srl, hanno selezionato   per   la   costruzione   dell’intera   struttura, dalle   fondazioni   al   tetto,   i prodotti   della   friulana   Pontarolo   Engineering,   prima   Pmi Innovativa   in   Italia   che   ha   fatto dell’innovazione   in   edilizia   il   proprio   core   business, con   l’obiettivo   di   edificare   fabbricati grandi   o   piccoli,   sia   pubblici   che privati,   sicuri   ed   energeticamente  efficienti. Il  complesso  di  circa  1200 mq  si   svilupperà su due   livelli   e   sarà   capace   di   ospitare   4 sezioni complessive,   di   capienza   fino   ad   un massimo   di   29   bambini   ciascuna;   la   scuola   potrà   accogliere   complessivamente   fino   a   150   persone   in   compresenza   massima.

Oltre  ai  parametri  di  sicurezza  antisismica  ed  antincendio che  consentiranno  a  questo  edificio   l’attribuzione   della   classe   d’uso   IV   (ovvero   di   costruzione   “strategica”),   la   progettazione   complessiva   ha   tenuto   in   primaria   considerazione   sia   la   qualità dell’involucro,   che   quella   impiantistica,  al   fine  di  conseguire  un  edificio  dalle  prestazioni   energetiche   di   alto   livello   (NZEB,   ovvero   “nearly   zero   energy   building”) capaci   di   tradursi   in   un   consumo   estremamente   contenuto   di   energia   e,   di   conseguenza,   in   una   gestione   particolarmente   economica   riferita   al   riscaldamento,   raffrescamento   ed alla   illuminazione, ma   anche   alle   future   manutenzioni,   essendo   il   sistema   non   destinato   a   degradare   nel   tempo   e   quindi   a garantire  qualità  e  lunga durata.

vespaio_aerato_isolcupolex_scuola_sarnano

La   costruzione   prevede fondazioni   a   platea   e vespaio   aerato   coibentato   realizzato   con   Isolcupolex  di  Pontarolo; murature in calcestruzzo  armato  gettato  in  opera,  nello  specifico  le   strutture   portanti   verticali   in   fase   di   costruzione,   sono   realizzate   con   casseri   a   perdere   Climablock   di   Pontarolo,   soluzione   che   oltre   ad   essere   ottimale   a   fronte   delle   esigenze   prestazionali   termiche   ed   acustiche,   risulta   particolarmente   indicata   per   consentire   una   struttura   di   elevate   caratteristiche   di   resistenza, anche   contro   le   sollecitazioni   orizzontali   tipiche  del  sisma.   Il  pacchetto  di  progetto  prevede  un  setto  in  cemento  armato  di  25 centimetri  posto   tra due   strati  di  isolamento.  L’isolamento  in  Eps  è  costituito  esternamente  da  una  lastra  di  spessore   18,4   cm   e,   all’interno,   di   6,4   cm.  Questo   doppio   strato   coibente   è  in  grado   di   assicurare   dei   valori   di   trasmittanza   U   particolarmente   elevati mentre   la   massa   del   setto   in   C.A.   permetterà un  ottimale  sfasamento   termico; tali  performance  consentiranno l’inserimento   nella  classe  NZEB dell’edificio  stesso.  Questi  valori  prestazionali  eccellenti  saranno  raggiunti   con  spessori  della  parete contenuti,  a  parità  di  prestazione,  rispetto  ad  altri  sistemi;  in  tal   senso,   i   casseri   a   perdere   Climablock,   permettono   di   usufruire di   maggior   superficie   calpestabile interna. Sono  previsti  orizzontamenti  intermedi  realizzati  con  solai  con  cassero  a  perdere  in  EPS Kaldo   di  Pontarolo  e  getto  in  calcestruzzo  di  completamento. Per  la  coibentazione  e  ventilazione  della  copertura  dell’edificio verranno  impiegati  i  pannelli   per  tetti  termoventilati Ventus  di  Pontarolo  posati  sopra  cappa in  c.a. al  fine  di  conferire  alla   copertura  la  “massa” necessaria  per  corretto  comfort  estivo.

cantiere_sarnano_posa_casseri_climablock_2

Terremoto, la ricostruzione secondo il sistema Pontarolo ultima modifica: 2017-06-16T09:45:51+00:00 da Fabio franchini
Categories: Aziende, News

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*