Speciale Laterizi: con Wienerberger rigenerazione confortevole per Cà delle Alzaie a Treviso

ca-delle-alzaie-treviso

Rigenerazione urbana, sostenibilità ambientale e massimo comfort abitativo sono l’anima del progetto residenziale Cà delle Alzaie, realizzato in prossimità del centro storico di Treviso dallo studio Stefano Boeri Architetti e dall’impresa edile Cazzaro Costruzioni.

La scelta di soluzioni costruttive tecnologiche, come i blocchi in laterizio Porotherm di Wienerberger, e l’attenta integrazione tra natura e costruzioni, fanno di questo progetto uno dei più importanti esempi recenti di architettura sostenibile in Italia.

Sulla riva del fiume Sile, a due passi dalle antiche mura di Treviso, il sito dove oggi sorge il complesso residenziale Cà delle Alzaie è stato oggetto di un’ampia campagna di bonifica, in quanto ubicato sul sedime di un’area industriale dismessa.

Attraverso una campagna di monitoraggio sulla temperatura e umidità, durata un anno intero, sono state approfondite le ricerche sul microclima per valutare l’impatto dei fattori del corso d’acqua sulla nuova destinazione dell’area, che oggi ospita tre distinti corpi di fabbrica disposti uno accanto all’altro.

ca-delle-alzaie-trevisoLa leggera rotazione degli affacci ha evitato la costituzione di un fronte continuo con effetto barriera e ha ottimizzato l’esposizione verso sud, garantendo al meglio la privacy e ottimizzando i benefici in termini di comfort energetico.

Gli appartamenti sono dotati ciascuno di ampi spazi in cui la gestione della luce naturale abbinata al comfort ambientale e all’isolamento acustico consentono di equiparare le unità abitative a vere e proprie case singole pur appartenendo a un condominio.

L’intervento di recupero e rigenerazione urbana Cà delle Alzaie prosegue il percorso di ricerca e progetto di Forestazione Urbana di Stefano Boeri, il cui più famoso ambassador è il Bosco Verticale di Milano. Le facciate dei tre edifici integrano la componente vegetale nella struttura architettonica, con 120 alberi e 400 arbusti, che da soli sono in grado di produrre più di 2,7 tonnellate di ossigeno all’anno.

L’equilibrio tra l’architettura e la natura del contesto circostante è stato inoltre perseguito attraverso un’attenta progettazione e un’accurata scelta dei materiali che hanno permesso il conseguimento della più alta classificazione energetica. I laterizi Wienerberger sono stati impiegati nella realizzazione dell’involucro esterno grazie alla sostenibilità ambientale dei suoi materiali conformi ai Criteri Minimi Ambientali (Cam) e alla Dichiarazione Ambientale di Prodotto (Epd).

Per il progetto Ca’ delle Alzaie, in particolare, è stato scelto il blocco a incastro Porotherm Bio inc da 25 centimetri di spessore. Le microporosità del blocco, ottenute dalle farine di legno vergini o da miscele di fibre vegetali, garantiscono un isolamento termico sano e confortevole.

porotherm-bio-inc-wienerberger

«Una soluzione irrinunciabile per le sue prestazioni acustiche, termiche, di tenuta all’aria e igroscopiche», confermano i referenti dell’impresa Cazzaro Costruzioni che si è occupata della messa in opera. In più, le soluzioni in laterizio Wienerberger hanno una durabilità nel tempo praticamente illimitata e favoriscono una riduzione dei consumi di energia sia per il riscaldamento invernale sia per il raffrescamento estivo, a garanzia del benessere abitativo e della tutela dell’ambiente circostante.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui