Torna a Ferrara il Salone del Restauro

salone restauro 2014 ferrara

salone restauro 2014 ferraraDal 26 al 29 marzo torna a Ferrara il Salone del Restauro 2014, quest’anno alla sua 21° edizione. Attesi architetti, ingegneri, geometri ,ordini professionali, imprese specializzate e tutti gli attori coinvolti nelle attività di ricostruzione, che saranno chiamati a una partecipazione attiva grazie ai workshop e corsi di formazione organizzati all’interno della manifestazione, che daranno accesso a dei crediti formativi.

Il Salone del Restauro ospiterà anche la Regione Emilia-Romagna con uno spazio-evento dedicato ed un convegno in cui sarà illustrato il Progetto Re-Building, un’iniziativa di supporto per la pianificazione degli interventi nei Comuni emiliani colpiti dal sisma. Invitati anche i comuni di Lombardia e Veneto, che saranno direttamente coinvolti per evidenziare le problematiche relative al proprio territorio.

Quest’edizione farà da cornice anche a “Ricostruire l’Identità: i progetti degli architetti”, una rassegna di progetti realizzati o da realizzare nell’area del cratere sismico per il ripristino e la ricostruzione degli edifici e dei contesti danneggiati dal sisma del maggio 2012.

 

Diversi approfondimenti affronteranno poi i temi degli aspetti organizzativi e logistici legati alla gestione dell’emergenza, gli interventi sui beni architettonici danneggiati e le operazioni finalizzate alla salvaguardia dei beni storico artistici e archivistici, dalle chiese (sono ben 555 gli edifici di culto che hanno subito danni e richiedono interventi di restauro e riqualificazione) al patrimonio artistico

 

Il Salone del Restauro offrirà anche una panoramica dei restauri realizzati, o in corso d’opera, su tutto il territorio nazionale, come quelli della Cappella della Sindone di Torino, della Pietà di Giovanni Bellini, o dei Bronzi di Riace, e una riflessione sulla conversione di un edificio storico a sede museale, affrontato attraverso il caso esemplare del MUDI – Museo degli Innocenti di Firenze.

 

Ma non ci sarà solo l’Italia al centro della manifestazione. Presenti, infatti, al Salone del Restauro ci sarà una rappresentanza di circa 20 delegati dal Brasile, l’India con una mostra sul percorso di lettura critica del tessuto urbano di Jodhpur,  case histories da Polonia, Croazia e Serbia, numerosi delegati ICE provenienti da Turchia e Russia, paese quest’ultimo in cui si trova il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo che festeggia quest’anno i 250 anni nel suo stand durante le quattro giornate del Salone si terranno workshop sulla tecnica di realizzazione e restauro di commesso in lapislazzulo e malachite secondo la tecnica storica oggi perduta del mosaico russo.

 

Si riconfermano anche per questa edizione le iniziative collaterali di Ferrara Aperta per Restauro, che vedono l’apertura straordinaria gratuita, anche serale, di musei, pinacoteche e palazzi storici cittadini durante tutti i quattro giorni di manifestazione.

 

Il programma completo sul sito www.salonedelrestauro.com

 

Nella foto: Frammento superstite dell’orologio della Torre dei Modenesi di Finale Emilia, crollato con il sisma del 20 maggio 2012

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui