Gruppi e Consorzi – Uniedil: un apposito team per il superbonus

uniedil

Sostanziale parità nelle rivendite aderenti a Uni.Edil che assorbe l’uscita di due rivendite con l’acquisizione della Rebuffo di Ceva (Cuneo) e della Possetti Edilizia di Masera (Verbano-Cusio Ossola). Malgrado le tensioni sulle materie prime e l’instabilità dei prezzi, le previsioni del consorzio per il 2021 restano positive.

Intervista a Stefano Colombino, presidente Uni.Edil

Come è andato il vostro consorzio nel 2020 in termini di fatturato?
In flessione.

Nel corso del 2020 ci sono state iniziative particolari che hanno interessato il vostro gruppo?
C’è stata l’uscita di due rivendite, di cui una a fine anno: Ma. Edile ed Eci.

Nel corso del 2020 avete aggiunto nuovi prodotti e/o servizi?
No, nessuno.

La pandemia ha impattato sulla Vostra organizzazione?
Abbiamo incrementato gli incontri in videoconferenza, sia con fornitori sia con i clienti.

Come sta andando il 2021 e quali sono le vostre aspettative a fine anno?
Stiamo lavorando tanto e siamo fiduciosi in una chiusura 2021 positiva, malgrado le tensioni sulle materie prime e l’instabilità dei prezzi.

Qual è l’obiettivo più importante che vi siete dati per quest’anno?
Mantenere, e se possibile incrementare, le nostre quote di mercato.

Avete in programma nuovi progetti e/o investimenti a breve-medio termine?
Nel 2021 sono entrate due nuove rivendite: Rebuffo e Possetti Edilizia.

Un tema di forte attualità è la carenza delle materie prime e il rincaro dei prezzi: come state affrontando questa situazione a livello di consorzio?
Buona parte delle nostre rivendite ha capacità e possibilità di immagazzinare quantitativi importanti di materiale. La disponibilità di prodotti in pronta consegna si sta rivelando vincente.

Un altro tema caldo sono i bonus fiscali e il superbonus 110%: il vostro network come si è attrezzato nei confronti degli associati?
A inizio anno come gruppo ci siamo impegnati nella ricerca di un’equipe di esperti in materia che potesse essere di supporto alle rivendite del gruppo sul tema degli ecoincentivi. Le nostre rivendite, lavorando a stretto contatto con questo team di esperti, stanno raccogliendo maggiori opportunità di fornitura e fidelizzando nuovi clienti.

La pandemia ha dato ancora maggiore impulso all’ecommerce: siete organizzati in questo senso?
Come gruppo non facciamo e-commerce. Comunque, alcune nostre rivendite sono organizzate autonomamente con buoni risultati.

Rispetto allo scorso anno quali sono i tre settori merceologici che stanno crescendo di più e quali i tre in calo?
Sono in forte crescita i settori degli isolanti, dei prodotti chimici e i materiali per le costruzioni a secco. Gli altri settori merceologici sono in lieve crescita o stabili. Al momento non riscontriamo importanti flessioni.

Perché una rivendita dovrebbe scegliere di entrare nel vostro consorzio?
Siamo una realtà radicata sul territorio piemontese e le nostre rivendite sono il riferimento del mercato edile locale.

Dal punto di vista dei servizi agli associati, quali sono i vostri principali punti di forza?
La nostra forza è l’essere snelli e immediati nel risolvere le problematiche quotidiane delle rivendite consorziate.

Quali iniziative di marketing e/o comunicazione avete messo in atto per il 2021?
Volantini promozionali, pubblicità sui quotidiani cartacei e online, comunicazione delle promozioni e delle attività di gruppo attraverso i principali canali social e il sito istituzionale.

A livello di formazione, avete sfruttato gli strumenti digitali per attività di aggiornamento agli associati?
No.

Quante ore di formazione dedicate all’anno agli associati?
La formazione è a carico delle singole rivendite.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui