San Marco: affari on-line con le rivendite con il primo marketplace dedicato alle pitture

San-Marco-marketplace

Il vertiginoso aumento degli acquisti online durante il lockdown ha solo confermato un trend in atto ormai da anni: le vendite via internet sono diventate una necessità per chi produce e un’abitudine per chi acquista.

Va in questa direzione San Marco, marchio leader nella produzione e commercializzazione di pitture e vernici per l’edilizia professionale in Italia, con il primo marketplace interamente dedicato al mondo delle pitture. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con H-Farm, un hub nato in Veneto che supporta la trasformazione delle aziende in un’ottica digitale.

I rivenditori di materiali, però, non sono tagliati fuori: anzi, possono sfruttare la piattaforma come vetrina per i prodotti disponibili in negozio e, coinvolti direttamente dal sistema, ultimare il processo di vendita senza alcuna spesa di intermediazione. Dopo aver ricevuto l’ordine, il rivenditore dovrà occuparsi solamente della preparazione del prodotto richiesto: San Marco, per agevolare e semplificare al massimo l’attività dei partner, assicura un’assistenza completa sulle spedizioni che verranno gestite
direttamente dal sistema in base alla tipologia di merce e alla destinazione garantendo, inoltre, la totale sicurezza sulle transazioni di pagamento elettronico tramite l’uso di PayPal o Afone Paiement.

Roberta-Vecci-san-marco
Roberta Vecci, international marketing director di San Marco

Come spiega Roberta Vecci, international marketing director di San Marco.

Domanda. Come è nato questo progetto?
Risposta. Il progetto è nato nel 2018 a fronte di un’analisi del canale e-commerce e in concomitanza con la necessità percepita dall’azienda di iniziare un percorso che ci permettesse di colloquiare in maniera forte e chiara anche con il consumatore finale. Il 2018, infatti, porta San Marco per la prima volta in televisione, con uno spot di forte impatto emozionale Più Potere alla tua immaginazione, che si rivolge al consumatore, sottolineando il potere evocativo del colore abbinato alla qualità riconosciuta dei prodotti San Marco. L’azienda ha costruito in oltre 80 anni di storia un percorso premiante nei confronti del mondo della rivendita professionale. Il marketplace, quindi, arriva a completamento di questo percorso, con il preciso obiettivo di portare il privato all’interno del negozio specializzato di pitture, premiando il lavoro della rivendita specializzata e aumentando il traffico di consumatori che riconoscono nel servizio e nella qualità del prodotto San Marco il grande valore aggiunto dell’azienda.

D. Da quanto tempo l’azienda ci stava lavorando per metterlo a punto?
R. Siamo partiti circa tre anni fa con le prime analisi di mercato. Avevamo ben chiaro l’obiettivo: aumentare la riconoscibilità del brand San Marco, accreditare l’azienda nei confronti del privato attraverso campagne di comunicazione ad hoc (televisione, radio e piattaforme social) per potere capitalizzare gli investimenti con l’apertura di un e-commerce premiante per il rivenditore, che resta al centro del nostro mondo. È la rivendita professionale, infatti, che promuove il brand San Marco sul territorio a ricevere ordini, che possono essere consegnati direttamente a casa del cliente o ritirati presso il punto vendita, ad essere quindi premiata dal meccanismo del marketplace.

San-Marco-marketplace

D. Quali sono state le principali difficoltà che si sono dovute affrontare?
R. Una volta individuato il partner tecnico H-Farm, che si è occupato di costruire con noi e per noi l’architettura del sito e la user experience abbiamo iniziato un percorso interno al nostro team digital per finalizzare un progetto articolato che prevede l’apertura di negozi virtuali per tutti i clienti che aderiscono al progetto. Le difficoltà sono insite nella complessità del progetto: la costruzione di un marketplace che prevede l’apertura di tanti negozi virtuali, la gestione interna all’azienda del processo di acquisto, la creazione di campagne che, quindi, possano portare traffico al sito attraverso la crescita della fiducia dei consumatori nei confronti del brand. Un impegno importante che ha comportato pause e ripartenze per arrivare a meta con un sito totalmente rinnovato nella grafica e nei contenuti ed il primo marketplace d’Italia.

D. Quanti sono i rivenditori che hanno già aderito a questa iniziativa?
R. Abbiamo abbondantemente superato quota cento e continuiamo a ricevere adesioni. Il marketplace cresce di popolarità ogni giorno e le campagne appena attivate ci permetteranno di coinvolgere non meno di 300 rivenditori in Italia nei prossimi mesi.

San-Marco-marketplace

D. Aderendo a questa iniziativa, che cosa deve fare il rivenditore per essere pienamente operativo?
R. Il rivenditore in realtà viene costantemente guidato in tutto il processo di attivazione del negozio virtuale. Ci sono ovviamente dei passaggi che lo coinvolgono direttamente, in una fase iniziale, per rispetto e tutela della privacy. Appena il negozio virtuale risulta attivato il rivenditore, che ha già partecipato a dei webinar di presentazione del progetto, riceve una sorta di vademecum che gli spiega come interagire con la piattaforma. Si tratta infatti di ricevere ed evadere ordini seguendo una procedura semplice e intuitiva. Abbiamo inoltre inserito un Help Desk in azienda a totale servizio dei nostri rivenditori che necessitino di informazioni, chiarimenti o guida proprio nella gestione degli ordini. Il meccanismo funziona in maniera semplice e veloce, ma prevede ovviamente un coinvolgimento da parte del rivenditore che si trova a dover gestire una piattaforma e interagire con il mondo digital, così come ci ha insegnato del resto la nuova realtà post-covid, il «new normal». Il marketplace è sicuramente un progetto ambizioso che rappresenta la volontà dell’azienda di portare il mondo digitale all’interno del mondo San Marco: è una necessità che abbiamo percepito negli ultimi anni e che riteniamo entrerà sempre più a fare parte della nostra normalità. Ed è soprattutto una spinta importante per il nostro settore, perché ci costringerà a ragionare su macro progetti e a vivere la tecnologia come un alleato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui