Bonus casa, appello di Ance, ingegneri e architetti al governo

Case a Milano
Case a Milano

L’Ance l’aveva preannunciato. E ora arriva la formale richiesta al governo di non rinunciare ai bonus casa. Anzi, di migliorarli. E questa volta l’associazione dei costruttori si è mossa assieme agli ordini professionali con un testo condiviso. La richiesta, è stato anticipato, conterrà «proposte per la qualità delle costruzioni e per la rigenerazione urbana», richieste migliorative su eco-bonus e sisma-bonus, incentivi per i lavori edilizi incentrati sull’efficientamento energetico e sulla tutela dal terremoto che in parte scadono il 31 dicembre.

Oltre alla firma dell’Ance il documento conterrà quelle degli Ordini dei professionisti. L’iniziativa, infatti è stata annunciata al termine del sessantatreesimo congresso nazionale degli ingegneri. Assieme al presidente dell’Ance, Gabriele Buia, c’erano quelli dei Consigli nazionali degli ingegneri e degli architetti Armando Zambrano e Giuseppe Cappochin. Il documento, è stato sottolineato, potrà esser sottoposto «già dalla prossima settimana» a esponenti governativi. Nella mattina di ieri, Zambrano aveva già avuto un faccia a faccia con il titolare del dicastero delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che ha fra l’altro confermato la volontà (espressa nella prima giornata del congresso capitolino) di procedere a un «reclutamento straordinario» di ingegneri, destinati a lavorare al ministero. A poter esser assunti, ha riferito il presidente della categoria, dovrebbero essere «almeno 500 professionisti». Promessa, però, ancora tutta da verificare. 

Gabriele Buia, presidente di Ance

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui