Il bilancio di sostenibilità Mapei si allarga alle controllate

Giorgio Squinzi, presidente di Mapei
Giorgio Squinzi, presidente di Mapei

Le grandi aziende sono da tempo impegnate a comunicare i propri sforzi in materia di rispetto per l’ambiente. Tra queste c’è Mapei, che ha pubblicato il Bilancio di Sostenibilità 2017. A differenza del precedente, il Bilancio 2017 si riferisce oltre che a Mapei spa anche alle consociate italiane del Gruppo.

«Ed è proprio l’entrata di queste ultime all’interno del perimetro di rendicontazione a rappresentare la novità principale di questo Bilancio: Adesital, Cercol, Mosaico+, Polyglass, Vaga e Vinavil condividono con la capogruppo l’importanza di una comunicazione onesta e trasparente a tutti gli stakeholder e pongono la sostenibilità tra gli elementi principali del proprio business», il commento di Giorgio Squinzi, presidente del Gruppo Mapei.

L’azienda milanese pone da sempre il concetto di sostenibilità al centro del proprio sistema produttivo e commerciale. Ha scelto pertanto di proseguire, anche quest’anno, nell’importante percorso iniziato nel 2017 in termini di reportistica di sostenibilità in un’ottica di comunicazione volta a raccontare, in modo veritiero e trasparente, il Gruppo, i propri valori e la propria performance ambientale, sociale ed economica.

L’identificazione dei portatori di interesse di Mapei (i cosiddetti stakeholder) condotta lo scorso anno è stata validata, mentre la mappatura dei temi rilevanti per Mapei, cioè l’analisi di materialità secondo i GRI (Global Reporting Initiative) Sustainability Reporting Standards, è stata aggiornata in virtù del nuovo perimetro di rendicontazione del Bilancio 2017.

Le iniziative di Mapei Italia presentate nel Bilancio di Sostenibilità 2017 possono essere riassuntenell’intensa attività di Ricerca e Sviluppo coordinata e svolta dal Centro di Ricerca di Milano di Mapei S.p.A. che si avvale dei laboratori di altre consociate del Gruppo.

L’attività di R&S consente a Mapei di creare prodotti sostenibili, sicuri per l’applicatore e l’utilizzatore finale, sviluppati per ridurre gli impatti ambientali e per abilitare e diffondere la sostenibilità nel settore chimico e dell’edilizia. La conoscenza del cliente, delle sue esigenze ed aspettative e il costante confronto con le parti interessate permettono a Mapei di soddisfare le richieste di rivenditori (clienti diretti) e applicatori e imprese di costruzione (clienti indiretti), ma anche nella gestione responsabile del processo produttivo, dal controllo delle materie prime in entrata alla gestione e allo smaltimento dei rifiuti. Un sistema produttivo efficiente secondo Mapei prevede tra gli altri: l’implementazione di sistemi di gestione, controlli continui della qualità delle materie prime e dei prodotti finiti e la gestione degli impatti ambientali e la tutela della salute e della sicurezza dei propri lavoratori e del territorio circostante.

Stabilimento mapei a Barcin, in Polonia
Stabilimento Mapei a Barcin, in Polonia

Mapei ha fatto anche un grande investimento sulle persone che compongono la squadra Mapei: mantenimento di un elevato livello di occupazione, corsi di formazione e aggiornamento, sistema di welfare aziendale, promozione di sistemi di gestione della sicurezza e dell’ambiente a tutela dei dipendenti e promuove la partecipazione attiva alla vita della comunità attraverso contributi sociali, attività di sponsorizzazione (sportive, culturali e di solidarietà) e progetti per le giovani generazioni, che nel 2017 sono stati pari a circa 32 milioni di Euro.

Il valore economico generato dalle attività della capogruppo e dalle consociate italiane è pari a 823, 1 milioni di euro, di cui 53,8 trattenuti dal Gruppo e 769,3 distribuiti ai principali stakeholder (+ 8,4% tra il 2015 e il 2017). «Mapei, da sempre esempio di proattività, ha dedicato nel tempo una crescente attenzione alla Sostenibilità affiancandola progressivamente ai concetti di Internazionalizzazione, Ricerca e Sviluppo e Specializzazione, i tre tradizionali pilastri della sua strategia», ha aggiunto Giorgio Squinzi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome qui