Torna Marmomac: il settore lapideo pesa sempre di più

Il marmo, una delle risorse e delle eccellenze italiane, torna protagonista. Parte il Marmomac a Veronafiere (27-30 settembre). È la 52esima edizione della rassegna mondiale di riferimento del prodotto lapideo: dai materiali grezzi ai lavorati, dalle tecnologie agli accessori, fino alle ultime applicazioni nel mondo dell’architettura e del design.

Marmomac non è solo business sul materiale lapideo, ma anche architettura, design e arte, con mostre tematiche, concorsi e contaminazioni tra marmo e altre bandiere del made in Italy. L’industria lapidea italiana conta oltre 3.200 aziende e 33.800 addetti e ha raggiunto nel 2016 una produzione di 3,9 miliardi di euro, per il 74% destinata all’estero. L’Italia è il sesto Paese al mondo per produzione, il secondo per export di marmi grezzi e lavorati e il primo per tecnologie esportate, con il 25% del valore dell’intero mercato globale. Nel corso della prima giornata è prevista anche la sottoscrizione di un memorandum d’intesa Italia-Cina.

Macchina per la lavorazione del marmo a Marmomac

Macchina per la lavorazione del marmo a Marmomac

La filiera che vede l’Italia al secondo posto per export dietro alla Cina, con un saldo commerciale positivo per oltre 2,5 miliardi di euro. A rappresentare questo settore, che nel 2016 a livello globale ha registrato un interscambio di 22 miliardi di euro, sono più di 1.650 aziende espositrici (64% estere) provenienti da 56 nazioni e circa 67mila operatori in arrivo da più di 140 Paesi. Delegazioni commerciali di top buyer e architetti sono attese da 58 Paesi (26 nazioni in più rispetto all’edizione 2016), selezionati insieme a Mise-Ice Agenzia e Confindustria Marmomacchine per un’azione di incoming mirata.

Torna Marmomac: il settore lapideo pesa sempre di più ultima modifica: 2017-09-27T09:40:14+00:00 da Virginia Gambino
Categories: Fiere, In Evidenza

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*