Eclisse firma la villa prefabbricata in legno e acciaio

Eclisse

A Pordenone, lungo una laterale della via principale che conduce al centro città, una vecchia abitazione degli anni Sessanta è stata completamente demolita per lasciar spazio a una nuova casa in legno ecosostenibile, in linea con le esigenze della committenza e con le necessità del vivere quotidiano. Una casa prefabbricata non deve far pensare necessariamente ad un’impostazione standard e semplificata perché qui si è di fronte ad un esempio di progettazione spinta dove il corpo centrale dell’abitazione, di dimensioni pressoché uguali alla preesistente, è stato collegato sul lato sud ad una struttura in acciaio sporgente rispetto alla facciata contenente un serramento ripartito sui tre livelli. All’interno di questo volume, per lo più trasparente, è stata collocata la scala principale, elemento architettonico di collegamento tra tutti i piani.

unnamed (1)

Internamente, è stato rivoluzionato il concetto del vivere tradizionale, scegliendo di posizionare living, zona pranzo e cucina all’ultimo piano. La cucina si affaccia su una terrazza di ampie dimensioni, posizione privilegiata da cui sono visibili le Prealpi Carniche. Tutte le camere da letto, di cui due matrimoniali, si collocano al piano inferiore e sono concepite come suite: ognuna è dotata di cabina armadio interna con una propria sala da bagno e area fitness. Oltre alla scala di collegamento è presente un montacarichi, perfettamente nascosto all’interno di una boiserie di taglio contemporaneo. Nel sistema integrato di boiserie realizzate su misura si collocano anche le aperture a filo muro realizzate utilizzando le soluzioni Eclisse Syntesis Collection. In una perfetta soluzione di continuità, lo stesso intaglio della boiserie viene riproposto anche per definire i pannelli porta che delimitano l’accesso ad una sala da bagno e alle due camere matrimoniali, optando sia per aperture a battente filo muro che scorrevoli a scomparsa senza finiture esterne. Altrove invece, si è preferito un pannello porta completamente libero da qualsiasi elemento decorativo, scelta che riflette la pulizia formale e compositiva che caratterizza l’intero fabbricato.

unnamed (2)

L’architetto Filippo Caprioglio

Classe 1971, Filippo Caprioglio si è laureato in architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia nel 1997 per conseguire poi il Master in Progettazione Architettonica M-Arch II presso la Syracuse University School of Architecture di New York. È stato professore di composizione architettonica presso la stessa e a Firenze dal 2002 al 2005, e dal 2008 presso l’Università del Maryland. La sua passione per il design l’ha portato a progettare lampade, sedie e accessori in Italia e all’estero che sono stati oggetto di pubblicazione sulle principali riviste di architettura.  Parallelamente collabora all’interno dello Studio di Architettura Caprioglio Associati, fondato nel 1999 dal padre Giovanni, contribuendo a creare una nuova realtà dal carattere più internazionale aprendo una filiale negli Stati Uniti., Tra le tante pubblicazioni che hanno ritratto le sue opere ricordiamo anche “A Renovated Farmhouse in Northern Italy” per Dwell Magazine e “Old Venetian Meets Modern” del New York Times nel 2011. E’ in uscita un libro edito da ME Publishing sulle sue opere e ricerche dal titolo “Thinking 360”.

unnamed (3)

Domande&Risposte

Qual è la sua filosofia nel progettare? Quali sono le sue priorità? La progettazione è vissuta come una straordinaria opportunità e al contempo responsabilità per ciò che si andrà a lasciare sul territorio ed alle persone che vivranno quotidianamente quegli spazi. Priorità sono il benessere, l’ergonomia ed il rapporto con la luce, prevalentemente naturale, che contribuisce nella definizione degli spazi. Ogni progetto è trattato come un unicum con le sue peculiarità ed esigenze della committenza con cui lo scambio è costante.

Ci racconta brevemente le fasi chiave di questo progetto? Una volta dettate le esigenze, i desideri e le necessità della committenza si è partiti con la fase di ricerca progettuale, sia per necessità spaziali che per i materiali costruttivi. La volontà di avere una casa che garantisse il benessere e il comfort ha portato a scegliere un sistema costruttivo in legno con tutti i benefici relativi alla sostenibilità che questo comporta uniti ad una puntuale progettazione impiantistica avanzata e compatibile con le scelte architettoniche.

Quali esigenze hanno soddisfatto le soluzioni Eclisse? La scelta di Eclisse, in questo come in altri progetti dello studio, è stata dettata dalla ricerca di un prodotto che consentisse l’inserimento dell’elemento porta all’interno di un ragionamento più ampio sposando il linguaggio architettonico previsto per questo specifico progetto, in cui il sistema deve integrarsi in una boiserie di taglio contemporaneo.


Photo credits: Esterno: Paolo Belvedere
Interno: Enrico Dal Zotto Fotografo


Progetto: House ML + M + R. Nuova abitazione unifamiliare residenziale prefabbricata in legno e acciaio. Completa demolizione e ricostruzione su sedime esistente.
Realizzazione: dicembre 2015 – dicembre 2016
Luogo: Pordenone
Superficie: circa 500 mq
Struttura prevalente: Legno
Prodotti Eclisse: EclisseSyntesis Line battente, EclisseSyntesis Line scorrevole

Eclisse firma la villa prefabbricata in legno e acciaio ultima modifica: 2017-08-31T15:44:45+00:00 da Fabio franchini
Categories: Aziende, Case History

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*